Le Banche Centrali sono all'offensiva?

FRANCOFORTE – L’impressione è quella di un'offensiva coordinata: il 6 settembre, la Banca Centrale Europea ha delineato un nuovo programma di acquisto bond, rendendo noto ai mercati che non ci sarebbero stati limiti all'acquisto. Il 13 settembre, la Federal Reserve americana ha annunciato di voler acquistare nei prossimi mesi circa 85 miliardi di dollari in titoli a lungo termine al mese, con l'obiettivo di mettere pressione al ribasso sui tassi d'interesse a lungo termine e sostenere la crescita. Infine, il 19 settembre, la Bank of Japan ha dichiarato l'intenzione di aggiungere altri dieci trilioni di yen (128 miliardi di dollari) al suo programma di acquisto di titoli di stato, e di aspettarsi che il totale delle sue partecipazioni raggiunga i mille miliardi di dollari entro la fine del 2013.

I margini per una concertazione di questo tipo ci sono senz’altro, dal momento che le prospettive per queste tre economie si sono deteriorate in modo significativo. Per quanto riguarda l'eurozona, il PIL è destinato a diminuire nel 2012, mentre le previsioni per il prossimo anno sono, nella migliore delle ipotesi, mediocri. Negli Stati Uniti, la produzione continua a crescere, ma a un ritmo moderato, pari al 2%, e anche escludendo il cosiddetto "precipizio fiscale" che incombe sulla fine dell'anno, quando il Congresso sarà costretto a imporre tagli alla spesa e a far scadere i tagli fiscali approvati nel 2001, la ripresa rimane a rischio. In Giappone, il rallentamento dell'economia mondiale e uno yen più forte stanno penalizzando il settore delle esportazioni, la crescita langue e l'inflazione è nuovamente vicina allo zero.

La realtà, tuttavia, è che manca una presa di posizione comune, per non parlare di un piano d’azione comune. Nella più forte delle tre economie, la Fed è disposta a rischiare l'inflazione preannunciando l'intenzione di mantenere il tasso dei fondi federali a livelli eccezionalmente bassi "almeno fino alla metà del 2015". D'altro canto, nel caso dell’economia più debole, la BCE non ha alcuna intenzione di stimolare la crescita attraverso l'alleggerimento quantitativo o dei vincoli anticipati sui tassi d’interesse. Al contrario, è fermamente convinta che l'unico scopo del suo programma di OMT (Outright Monetary Transactions), volto ad acquistare titoli di stato dei paesi della zona euro in difficoltà, sulla base delle riforme concordate, è di contenere il rischio di ridenominazione della valuta, che contribuisce a mantenere elevati i tassi d’interesse delle economie dell'Europa meridionale. L'obiettivo è di ripristinare un certo grado di omogeneità all'interno dell'eurozona in termini di trasmissione della politica monetaria. Tutti gli acquisti di asset saranno sterilizzati, il che significa che i loro effetti sulla politica monetaria saranno controbilanciati.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/CGW5lJY/it;
  1. Television sets showing a news report on Xi Jinping's speech Anthony Wallace/Getty Images

    Empowering China’s New Miracle Workers

    China’s success in the next five years will depend largely on how well the government manages the tensions underlying its complex agenda. In particular, China’s leaders will need to balance a muscular Communist Party, setting standards and protecting the public interest, with an empowered market, driving the economy into the future.

  2. United States Supreme Court Hisham Ibrahim/Getty Images

    The Sovereignty that Really Matters

    The preference of some countries to isolate themselves within their borders is anachronistic and self-defeating, but it would be a serious mistake for others, fearing contagion, to respond by imposing strict isolation. Even in states that have succumbed to reductionist discourses, much of the population has not.

  3.  The price of Euro and US dollars Daniel Leal Olivas/Getty Images

    Resurrecting Creditor Adjustment

    When the Bretton Woods Agreement was hashed out in 1944, it was agreed that countries with current-account deficits should be able to limit temporarily purchases of goods from countries running surpluses. In the ensuing 73 years, the so-called "scarce-currency clause" has been largely forgotten; but it may be time to bring it back.

  4. Leaders of the Russian Revolution in Red Square Keystone France/Getty Images

    Trump’s Republican Collaborators

    Republican leaders have a choice: they can either continue to collaborate with President Donald Trump, thereby courting disaster, or they can renounce him, finally putting their country’s democracy ahead of loyalty to their party tribe. They are hardly the first politicians to face such a decision.

  5. Angela Merkel, Theresa May and Emmanuel Macron John Thys/Getty Images

    How Money Could Unblock the Brexit Talks

    With talks on the UK's withdrawal from the EU stalled, negotiators should shift to the temporary “transition” Prime Minister Theresa May officially requested last month. Above all, the negotiators should focus immediately on the British budget contributions that will be required to make an orderly transition possible.

  6. Ksenia Sobchak Mladlen Antonov/Getty Images

    Is Vladimir Putin Losing His Grip?

    In recent decades, as President Vladimir Putin has entrenched his authority, Russia has seemed to be moving backward socially and economically. But while the Kremlin knows that it must reverse this trajectory, genuine reform would be incompatible with the kleptocratic character of Putin’s regime.

  7. Right-wing parties hold conference Thomas Lohnes/Getty Images

    Rage Against the Elites

    • With the advantage of hindsight, four recent books bring to bear diverse perspectives on the West’s current populist moment. 
    • Taken together, they help us to understand what that moment is and how it arrived, while reminding us that history is contingent, not inevitable


    Global Bookmark

    Distinguished thinkers review the world’s most important new books on politics, economics, and international affairs.

  8. Treasury Secretary Steven Mnuchin Bill Clark/Getty Images

    Don’t Bank on Bankruptcy for Banks

    As a part of their efforts to roll back the 2010 Dodd-Frank Act, congressional Republicans have approved a measure that would have courts, rather than regulators, oversee megabank bankruptcies. It is now up to the Trump administration to decide if it wants to set the stage for a repeat of the Lehman Brothers collapse in 2008.