Le Banche Centrali sono all'offensiva?

FRANCOFORTE – L’impressione è quella di un'offensiva coordinata: il 6 settembre, la Banca Centrale Europea ha delineato un nuovo programma di acquisto bond, rendendo noto ai mercati che non ci sarebbero stati limiti all'acquisto. Il 13 settembre, la Federal Reserve americana ha annunciato di voler acquistare nei prossimi mesi circa 85 miliardi di dollari in titoli a lungo termine al mese, con l'obiettivo di mettere pressione al ribasso sui tassi d'interesse a lungo termine e sostenere la crescita. Infine, il 19 settembre, la Bank of Japan ha dichiarato l'intenzione di aggiungere altri dieci trilioni di yen (128 miliardi di dollari) al suo programma di acquisto di titoli di stato, e di aspettarsi che il totale delle sue partecipazioni raggiunga i mille miliardi di dollari entro la fine del 2013.

I margini per una concertazione di questo tipo ci sono senz’altro, dal momento che le prospettive per queste tre economie si sono deteriorate in modo significativo. Per quanto riguarda l'eurozona, il PIL è destinato a diminuire nel 2012, mentre le previsioni per il prossimo anno sono, nella migliore delle ipotesi, mediocri. Negli Stati Uniti, la produzione continua a crescere, ma a un ritmo moderato, pari al 2%, e anche escludendo il cosiddetto "precipizio fiscale" che incombe sulla fine dell'anno, quando il Congresso sarà costretto a imporre tagli alla spesa e a far scadere i tagli fiscali approvati nel 2001, la ripresa rimane a rischio. In Giappone, il rallentamento dell'economia mondiale e uno yen più forte stanno penalizzando il settore delle esportazioni, la crescita langue e l'inflazione è nuovamente vicina allo zero.

La realtà, tuttavia, è che manca una presa di posizione comune, per non parlare di un piano d’azione comune. Nella più forte delle tre economie, la Fed è disposta a rischiare l'inflazione preannunciando l'intenzione di mantenere il tasso dei fondi federali a livelli eccezionalmente bassi "almeno fino alla metà del 2015". D'altro canto, nel caso dell’economia più debole, la BCE non ha alcuna intenzione di stimolare la crescita attraverso l'alleggerimento quantitativo o dei vincoli anticipati sui tassi d’interesse. Al contrario, è fermamente convinta che l'unico scopo del suo programma di OMT (Outright Monetary Transactions), volto ad acquistare titoli di stato dei paesi della zona euro in difficoltà, sulla base delle riforme concordate, è di contenere il rischio di ridenominazione della valuta, che contribuisce a mantenere elevati i tassi d’interesse delle economie dell'Europa meridionale. L'obiettivo è di ripristinare un certo grado di omogeneità all'interno dell'eurozona in termini di trasmissione della politica monetaria. Tutti gli acquisti di asset saranno sterilizzati, il che significa che i loro effetti sulla politica monetaria saranno controbilanciati.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/CGW5lJY/it;
  1. Chris J Ratcliffe/Getty Images

    The Brexit Surrender

    European Union leaders meeting in Brussels have given the go-ahead to talks with Britain on post-Brexit trade relations. But, as European Council President Donald Tusk has said, the most difficult challenge – forging a workable deal that secures broad political support on both sides – still lies ahead.

  2. The Great US Tax Debate

    ROBERT J. BARRO vs. JASON FURMAN & LAWRENCE H. SUMMERS on the impact of the GOP tax  overhaul.


    • Congressional Republicans are finalizing a tax-reform package that will reshape the business environment by lowering the corporate-tax rate and overhauling deductions. 

    • But will the plan's far-reaching changes provide the boost to investment and growth that its backers promise?


    ROBERT J. BARRO | How US Corporate Tax Reform Will Boost Growth

    JASON FURMAN & LAWRENCE H. SUMMERS | Robert Barro's Tax Reform Advocacy: A Response

  3. Murdoch's Last Stand?

    Rupert Murdoch’s sale of 21st Century Fox’s entertainment assets to Disney for $66 billion may mark the end of the media mogul’s career, which will long be remembered for its corrosive effect on democratic discourse on both sides of the Atlantic. 

    From enabling the rise of Donald Trump to hacking the telephone of a murdered British schoolgirl, Murdoch’s media empire has staked its success on stoking populist rage.

  4. Bank of England Leon Neal/Getty Images

    The Dangerous Delusion of Price Stability

    Since the hyperinflation of the 1970s, which central banks were right to combat by whatever means necessary, maintaining positive but low inflation has become a monetary-policy obsession. But, because the world economy has changed dramatically since then, central bankers have started to miss the monetary-policy forest for the trees.

  5. Harvard’s Jeffrey Frankel Measures the GOP’s Tax Plan

    Jeffrey Frankel, a professor at Harvard University’s Kennedy School of Government and a former member of President Bill Clinton’s Council of Economic Advisers, outlines the five criteria he uses to judge the efficacy of tax reform efforts. And in his view, the US Republicans’ most recent offering fails miserably.

  6. A box containing viles of human embryonic Stem Cell cultures Sandy Huffaker/Getty Images

    The Holy Grail of Genetic Engineering

    CRISPR-Cas – a gene-editing technique that is far more precise and efficient than any that has come before it – is poised to change the world. But ensuring that those changes are positive – helping to fight tumors and mosquito-borne illnesses, for example – will require scientists to apply the utmost caution.

  7. The Year Ahead 2018

    The world’s leading thinkers and policymakers examine what’s come apart in the past year, and anticipate what will define the year ahead.

    Order now