Una multa da 4,3 miliardi di dollari e nessuna reazione

LONDRA – A novembre la Financial Conduct Authority (FCA) del Regno Unito ha annunciato un accordo in cui sei banche sarebbero state multate per un valore complessivo di 4,3 miliardi di dollari per aver manipolato il mercato valutario. Eppure i prezzi delle azioni non hanno reagito. Perché?

Le pratiche illegali e le carenze di gestione svelate durante le indagini, che sono durate un anno e hanno portato alle sanzioni, erano scioccanti. Semplici email e messaggi in chat-room tra i trader venali hanno rivelato sfacciate cospirazioni per manipolare il “fix” di cambio pomeridiano a fini di lucro e guadagno personale. I senior manager erano talmente disinteressanti da consentire ai propri dipendenti di agire come bambini. Utilizzando nickname come “i tre moschettieri” e “A-team”, facevano quello che volevano, a spese delle loro istituzioni.

Malgrado l’enorme sanzione della FCA, nessun alto dirigente è stato costretto a cadere sulla propria spada, e gli investitori hanno semplicemente alzato le spalle. Una ragione, ovviamente, è che si sapeva che ci sarebbe stato l’accordo; le novità erano solo i dettagli dei reati e la portata delle multe.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/FDNhJsC/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.