The Social Security Administration offices in Denver Craig F. Walker / The Denver Post/Getty Images

L’Esplosivo Deficit di Bilancio Americano

CAMBRIDGE – Gli Stati Uniti hanno un deficit pubblico enorme ed in rapida espansione. In base alla legge vigente, quest’anno il governo federale deve prendere in prestito 800 miliardi di dollari, e tale importo raddoppierà, fino a 1,6 trilioni, nel 2028. Durante questo periodo, il disavanzo come percentuale del PIL aumenterà dal 4% al 5,1%. Come risultato di questi deficit annuali, il debito del governo federale salirà dagli attuali 16 trilioni a 28 trilioni di dollari nel 2028.

Il debito del governo federale è passato da meno del 40% del PIL di un decennio fa, al 78% di oggi, e il Congressional Budget Office (CBO) prevede che il rapporto salirà al 96% nel 2028. Poiché gli investitori stranieri detengono la maggioranza del debito pubblico USA, questa proiezione implica che essi assorbiranno più di 6 trilioni di dollari in titoli di stato statunitensi nei prossimi dieci anni. I tassi di interesse a lungo termine sul debito americano dovranno aumentare in modo sostanziale per indurre gli investitori nazionali ed esteri a sostenere questo enorme incremento.

Perché sta succedendo questo? Secondo il CBO, se la legislazione fiscale dello scorso anno non fosse stata emanata, l’indice di indebitamento avrebbe comunque raggiunto il 93% del PIL nel 2028. Quindi le cause dell’esplosione del debito si trovano altrove.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/F32uXEX/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.