Police car in Budapest, Hungary

La minaccia che salverà l’Europa

BRUSSELS – Per l'Unione europea, il 2015 è stato un altro anno di sfide fondamentali. Due elementi chiave dell'integrazione europea - l'euro e la libera circolazione all'interno dell’area Schengen - sono stati messi a dura prova. E nessuno dei due è al sicuro. Tuttavia, uno sviluppo nel 2015 offre un motivo per sperare che i leader europei facciano qualcosa di più che "fare quel che si può" per implementare soluzioni più coraggiose nel 2016: la minaccia di espulsione ha guadagnato credibilità.

La crisi economica globale iniziata nel 2008 ha messo in luce i difetti profondi dell'Unione monetaria europea, anche se è stata necessaria l'esperienza della crisi dell'euro del 2010-2012 per costringere i leader europei ad agire, con la creazione di un grande fondo per aiutare i paesi in difficoltà e l'istituzione di un'unione bancaria. Anche così, più di tre anni dopo, quell’unione - che comporta il controllo da parte della Banca centrale europea e l'avvio di un fondo per la ristrutturazione delle banche in fallimento, ma senza un sistema comune di assicurazione dei depositi - è lontano dall'essere perfetto.

Nonostante i suoi difetti, l’unione bancaria ha contribuito a mantenere calmi i mercati finanziari nella prima metà del 2015, anche se il nuovo governo greco, guidato dal primo ministro Alexis Tsipras, ha sfidato una caratteristica fondamentale dell’approccio dell'Europa alle crisi finanziarie nazionali: i beneficiari del sostegno devono impegnarsi a stringere la cinghia. Nel referendum di luglio, gli elettori greci si sono espressi contro l’austerità, respingendo completamente le condizioni che i creditori della Grecia avevano chiesto in cambio di un nuovo piano di salvataggio.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/hHIoGnI/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.