ECB building Hannelore Foerster/Getty Images

Il Dilemma Economico dell’Europa

CAMBRIDGE – L’Europa affronta un grave problema. Anche se recentemente l’attività economica si è incrementata, nel momento in cui si verificherà la prossima inevitabile crisi, la zona euro non avrà più le capacità per contrastarla.

Alla Banca Centrale Europea spetta il merito dei miglioramenti economici che si sono verificati negli ultimi anni. In un discorso pronunciato nel 2014 alla riunione annuale dei banchieri centrali a Jackson Hole, nel Wyoming, Mario Draghi, presidente della BCE, ha spiegato che tre cose potrebbero migliorare la performance economica dell’Europa:

  • un’espansione fiscale da parte del paese che aveva dimostrato la capacità di attuarla (Germania);
  • riforme strutturali in Italia e Francia;
  • modifiche della politica monetaria.

Ma Draghi ha proseguito prevedendo che la Germania non avrebbe creato un deficit fiscale e che Italia e Francia non avrebbero intrapreso le necessarie riforme strutturali. Egli ha concluso che la BCE avrebbe dovuto stimolare la crescita riducendo i tassi di interesse, cosa che avrebbe fatto aumentare le esportazioni nette ottenendo un euro più competitivo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/8V4kiMS/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.