JOHANNES EISELE/AFP/Getty Images.

Come prepararsi alla prossima recessione in Europa

PARIGI – Se non riuscite a capire quello che sta succedendo all’economia dell’eurozona, non siete gli unici. Un giorno ci dicono che la crescita è negativa, il giorno dopo che la ripresa è iniziata e il giorno dopo ancora che la Banca Centrale Europea sta pensando di mandare degli assegni a tutti i cittadini per incoraggiare la produzione e rivitalizzare l’inflazione. Raramente lo scenario economico è stato così confuso.

Iniziamo dalla crescita a medio termine. Sin dallo scoppio della crisi finanziaria nel 2008 la produttività è cresciuta a passo di lumaca. Stranamente, il magico potere di elaborazione degli smartphone non sembra aver compensato il rallentamento del miglioramento dell’efficienza dei servizi standard e manifatturieri. Per circa un decennio la crescita annuale della produttività nelle economie avanzate è stata infatti pari a circa l’1%, contro il precedente 2%.

Potrebbe trattarsi di un periodo di stallo temporaneo o di illusione statistica. Ma vista la mancanza di prove certe che indichino una fine di questo periodo, i policy maker hanno abbassato le previsioni. Dal 2010 l’Ufficio per i bilanci del Congresso degli Stati Uniti ha ridotto le sue prospettive di crescita della produttività dal 25 al 16% per il decennio fino al 2020. Lo stesso ha fatto l’Ufficio per la responsabilità di bilancio del Regno Unito riducendo le prospettive della crescita di produttività dal 22 al 14%. Tutti stanno modificando le previsioni in base a tempi di magra.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/qefNnV5/it;