14

L'indispensabile unione dell'Europa

BRUXELLES – Le conseguenze della crisi del debito europeo continuano a farsi sentire in gran parte dell'Ue, dove le economie in difficoltà lottano per ritrovare la stabilità e rimettere in moto la crescita. Malgrado le importanti decisioni prese negli ultimi due anni, la verità è che dobbiamo fare di più per affrontare con successo le sfide che minacciano l'Eurozona.

Attualmente, sono in atto in vari paesi europei riforme e misure di consolidamento e di protezione finanziaria comune, e la Banca Centrale Europea non ha mai fatto mancare il proprio sostegno all'euro. Anche così, però, accade spesso che la nostra determinazione venga sottovalutata da parte degli esperti e dei partner internazionali.

Tutti i passi realizzati finora hanno contribuito a rafforzare l'integrazione europea, non il contrario. È vero che a volte il processo decisionale del nostro sistema democratico richiede tempi lunghi, ma questo non deve indurre a giudicarci male: le negoziazioni riguardano la fase preparatoria, non il risultato finale. Nell'Ue c'è la volontà politica di fare il possibile per proteggere l'euro, perché il futuro della moneta unica determinerà quello dell'integrazione europea.

Le misure aggiuntive che servono all'Europa sono imprescindibili dall'obiettivo di un'integrazione più completa. Un debito sovrano ai massimi livelli e il comportamento di alcuni reparti del settore finanziario hanno amplificato la crisi dell'Eurozona ed evidenziato un problema di fiducia che oggi richiede una risposta sistemica.