Tim Brinton

Banche europee deboli

WASHINGTON, DC – I leader europei sono convinti che il capitale bancario sia “costoso”, nel senso che l’aumento dei requisiti patrimoniali rallenterebbe la crescita economica. Ma i recenti avvenimenti relativi alla crisi greca indicano che è vero l’esatto contrario – è la mancanza di capitale delle banche europee che minaccia di deragliare la crescita europea e globale.

Il “capitale” delle banche fa semplicemente riferimento all’equity funding, ai fondi di investimento a capitale proprio – ossia a quante passività possiedono gli azionisti piuttosto che i creditori sottoforma di debito. Il vantaggio del capitale proprio è che ha la capacità di “assorbire le perdite”, quindi solo una volta che le perdite cancellano tutto il capitale queste devono essere effettivamente ripartite tra i creditori. Il capitale bancario si trova a metà strada tra un cattivo prestito e l’insolvenza.

Nelle negoziazioni per Basilea III conclusesi lo scorso anno, i francesi e i tedeschi hanno fortemente favorito requisiti patrimoniali piuttosto bassi. È stata una pura follia: per quanto riguarda le grandi banche, maggiori capitali avrebbero ridotto la probabilità di ricorrere a ulteriori salvataggi da parte dei governi.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/Z4kVoaY/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.