Alla ricerca di denaro a basso tasso di interesse

BRUXELLES – Varie forme di “bond europei”, più precisamente eurobond, sono state recentemente proposte come via d’uscita dall’attuale crisi dell’Eurozona, cosa che, a detta dei fautori, faciliterebbe una riduzione dei costi di indebitamento. Tuttavia, tale ambizione sembra pressoché destinata a fallire sul nascere.

Il perché è presto detto, basta pensare ai benefici a lungo termine che ci si potrebbe aspettare da tali bond. La domanda è: i bond europei potrebbero offrire tassi di interesse più bassi rispetto ai tassi medi previsti per le obbligazioni nazionali?

Secondo i sostenitori degli eurobond, i tassi potrebbe creare un mercato più ampio e più liquido rispetto a quello delle obbligazioni nazionali. Probabilmente tale vantaggio è però limitato a un risparmio potenziale di pochi decimi di punto percentuale, che non è altro che la differenza in tassi di interesse tra questi bond e bond sovrani di alta qualità, come ad esempio quelli emessi dalla Germania e dall’Austria.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/Il0DpkB/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.