Perché l’Europa sostiene Obama per l’Iran

PARMA – Il primo ministro israeliano Binyamin Netanyahu è quasi sul punto di ordinare una generale mobilitazione dell’esercito del Paese, e i repubblicani negli Stati Uniti stanno preparando una feroce battaglia con l’amministrazione del presidente Barack Obama, sulla scia dell’accordo quadro sul nucleare con l’Iran. Eppure l’accordo quadro è stato accolto quasi all’unanimità in Europa. Come si spiega questa frattura all’interno dell’Occidente riguardante una grande minaccia regionale e globale?

Sono diversi i fattori in gioco. Uno è certamente che l’Europa – o più precisamente, Regno Unito, Germania e Francia – si impegna da oltre un decennio in un dialogo con l’Iran. Anche quando l’ex presidente George W. Bush denominava l’Iran come parte di un’“asse del male”, i principali membri dell’Unione europea insistevano che la diplomazia fosse uno strumento migliore della guerra.

E, passo dopo passo, l’approccio europeo è stato confermato. Fondamentale per questo risultato, ovviamente, è stato il fatto che in base ai report dell’intelligence americana tutte le prove indicavano che l’Iran aveva da tempo – nel 2003 – abbandonato i piani concreti volti a sviluppare un’arma nucleare.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/dHB7Pna/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.