highway roadblock Washington State Dept of Transportation/Flickr

Gli sbarramenti dell’Europa agli investimenti a lungo termine

AMSTERDAM – Una delle maggiori sfide cui va incontro l’economia europea è la carenza di liquidità nei mercati di capitale. Dalla crisi finanziaria globale del 2008 è scaturita una lunga serie di nuove regole. Per facilitare gli investimenti a lungo termine di cui l’Europa ha un disperato bisogno, sarebbe opportuno rivalutare l’ampio scenario normativo che è emerso negli ultimi sei anni.

Con le banche riluttanti a concedere nuovi prestiti, le istituzioni come i fondi pensione ben si prestano a soddisfare la disperata domanda di capitale. In effetti, i risparmi dei lavoratori che non potranno andare in pensione nei prossimi decenni sono particolarmente idonei per gli investimenti a lungo termine. Il guaio è che in molti casi le regole e i regolamenti destinati a garantire la stabilità dei mercati finanziari impediscono ai fondi pensione e simili di allocare i risparmi senza problemi e in modo efficace.

L’importanza di avere regolamenti adeguati non può essere sottostimata. Laddove correttamente elaborati e applicati, garantiscono stabilità finanziaria, mantengono (e, se necessario, ripristinano) la fiducia nei mercati e agevolano gli investimenti a lungo termine, aiutando i cittadini a soddisfare le future necessità finanziarie. Ma se i regolamenti non sono ben commisurati ai vari tipi di partecipanti al mercato e a come effettivamente lavorano i mercati, possono soffocare proprio quelle opportunità che andrebbero ad avvantaggiare investitori ed economia.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/ePQJT9V/it;