Petro Poroshenko, Federica Mogherini Igor Golovniov/ZumaPress

Mantenere salda la rotta nell’Europa dell’Est

STOCCOLMA – In occasione del summit che si terrà a Riga e che vedrà i leader dell’Unione Europea incontrare i sei membri del Partenariato Orientale dell’Ue, molti ricordano il drammatico incontro di Vilnius nel novembre 2013. È stato in quell’occasione che l’allora Presidente dell’Ucraina, Viktor Yanukovych, sotto la forte pressione russa, ha rifiutato di firmare l’accordo di associazione Ue-Ucraina che era stato negoziato dal 2007 al 2012.

Naturalmente, quando Yanukovych è tornato a casa, ha dovuto far fronte a migliaia di proteste in Piazza Maidan (Piazza dell’Indipendenza). Determinati a fargli mantenere la promessa di siglare l’accordo con l’Ue e di non portare l’Ucraina in un accordo doganale con la Russia, i manifestanti hanno mobilizzato il Paese. Yanukovych, non riuscendo a fermarli con le forze di sicurezza, è semplicemente fuggito. Il comportamento della Russia in Ucraina da allora ha reso il Partenariato Orientale sempre più importante.

Il Partenariato Orientale è stato lanciato nel 2009 su iniziativa della Polonia e della Svezia, dove a quel tempo ero Ministro degli esteri. L’obiettivo era di rispondere al desiderio di Armenia, Azerbaijan, Bielorussia, Georgia, Moldavia e Ucraina di sviluppare alcuni strumenti di integrazione che avevano contribuito a trasformare i Paesi Baltici e dell’Europa Orientale nelle democrazie che sono oggi.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

or

Register for FREE to access two premium articles per month.

Register

https://prosyn.org/mLLvl3Vit