Il rebus dei flussi di capitale

ITHACA – Negli ultimi mesi, le economie emergenti hanno ricevuto una sferzata sul fronte dei flussi di capitale. Indicazioni che la Federal Reserve possa ridurre il quantitative easing (QE) – il cosiddetto tapering – hanno spinto gli investitori a limitare la propria esposizione ai mercati emergenti, indebolendo gravemente le valute di questi ultimi e facendo crollare i prezzi delle loro azioni. Ora che il tapering è stato rinviato, in alcuni casi il capitale ha ripreso a circolare. Tuttavia, avendo scarsa influenza, e tanto meno il controllo, su quello che succederà in seguito, le economie emergenti hanno ancora difficoltà a capire come proteggersi dagli effetti di un’inversione di rotta da parte della Fed.

Quando la Fed ha cominciato ad accennare alla possibilità di ridurre il QE, i policy maker di alcuni paesi emergenti hanno gridato allo scandalo, ma sono stati congedati da alcuni rappresentanti delle economie avanzate come inclini al lamento. Dopotutto, all’inizio sono stati proprio loro a respingere quelle stesse politiche che ora vogliono mantenere a tutti i costi.

Le critiche mosse dai policy maker dei paesi emergenti, però, non sottintendono un atteggiamento incoerente; in entrambi i casi, l’elemento cruciale della loro denuncia è stato la volatilità. Questi paesi hanno già tentato di erigere barriere contro gli effetti potenzialmente destabilizzanti della politica monetaria dei paesi avanzati accumulando riserve di valuta estera e istituendo controlli sui capitali. Ora stanno facendo appello alle rispettive banche centrali affinché garantiscano la stabilità, ad esempio, aumentando i tassi di prestito a breve termine.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/sVqC8Od/it;