9

Dalla CIA al GFE

NEW YORK – Gli Stati Uniti hanno bisogno di spostare la spesa pubblica dalla guerra all’istruzione, di passare da un regime appoggiato dalla CIA a un nuovo Fondo Globale per l'Educazione (GFE). Con centinaia di milioni di bambini in tutto il mondo che non vanno a scuola, o in scuole con insegnanti sotto-qualificati, la mancanza di computer, le classi affollate e senza elettricità, molte parti del mondo sono dirette verso una massiccia instabilità, disoccupazione e povertà . Il ventunesimo secolo apparterrà ai paesi che educano correttamente i loro giovani a partecipare in maniera produttiva all'economia globale.

L'attuale squilibrio nella spesa statunitense per l'istruzione globale e i programmi militari è sconcertante: 1 miliardo di dollari all'anno sul primo e circa 900 miliardi di dollari sull’ultimo. I programmi militari includono il Pentagono (circa 600 miliardi di dollari), la Cia e agenzie collegate (circa 60 miliardi di dollari), Dipartimento di sicurezza interna (circa 50 miliardi di dollari), sistemi di armi nucleari al di fuori del Pentagono (circa 30 miliardi di dollari) e programmi di veterani (circa 160 miliardi di dollari).

Chicago Pollution

Climate Change in the Trumpocene Age

Bo Lidegaard argues that the US president-elect’s ability to derail global progress toward a green economy is more limited than many believe.

Cosa credevano i politici e i policymaker statunitensi nelle loro menti giuste che la sicurezza nazionale degli Stati Uniti è correttamente perseguita attraverso un rapporto spese militari- spese di istruzione di 900 a 1? Naturalmente, gli Stati Uniti non sono da soli. Arabia Saudita, Iran e Israele stanno tutti sperperando ingenti somme in una spasmodica corsa agli armamenti nel Medio Oriente, dove gli Stati Uniti sono il principale finanziatore e fornitore di armi. Cina e Russia stanno anche aumentando vertiginosamente le spese militari, nonostante le loro priorità nazionali urgenti. Stiamo, a quanto pare, andando incontro a una nuova corsa agli armamenti tra le maggiori potenze, nel momento in cui ciò che è veramente necessario è una gara pacifica all'istruzione e allo sviluppo sostenibile.

Diversi rapporti internazionali recenti, di cui due di questo mese redatti dall'Unesco e dalla Commissione internazionale sul finanziamento dell’educazione globale, guidato dall'ex Primo ministro britannico Gordon Brown, mostrano che l'assistenza allo sviluppo globale annuale per l'istruzione primaria e secondaria ha bisogno di aumentare da circa 4 miliardi di dollari a circa 40 miliardi di dollari. Solo questo aumento di dieci volte è in grado di consentire ai paesi poveri di raggiungere l'istruzione primaria e secondaria universale (come richiesto dall’Obiettivo Quattro dei nuovi Obiettivi di sviluppo sostenibile). In risposta, gli Stati Uniti e altri paesi ricchi dovrebbero agire quest'anno per creare il GFE, con i fondi necessari spostati dalle spese militari di oggi.

Se Hillary Clinton, il probabile prossimo presidente degli Stati Uniti, crede veramente nella pace e nello sviluppo sostenibile, dovrebbe annunciare la sua intenzione di sostenere la creazione del GFE, proprio come il Presidente George W. Bush nel 2001 è stato il primo capo di Stato ad approvare il nuovo Fondo per la lotta all'Aids, la tubercolosi e la malaria. Hillary Clinton dovrebbe chiamare la Cina e gli altri a unirsi a questo sforzo multilaterale. L'alternativa - continuare a spendere in maniera massiccia per la difesa, piuttosto che per l'istruzione globale - condannerebbe gli Stati Uniti allo status di stato imperiale in declino tragicamente dipendente da centinaia di basi militari all'estero, decine di miliardi di dollari di vendite di armi annuali e le guerre perpetue.

Senza un GFE, i paesi poveri non avranno le risorse per istruire i loro figli, proprio come non erano in grado di finanziare la lotta contro l'Aids, la tubercolosi e la malaria, fino a quando il Fondo Globale non è stato stabilito.

Ecco la sfida di base del bilancio: in un paese povero costa almeno 250 dollari mandare a scuola un bambino per un anno, ma i paesi a basso reddito possono permettersi, in media, solo circa 90 dollari per bambino all’anno. C'è un gap di 160 dollari per bambino per circa 240 milioni di bambini in età scolare, o circa 40 miliardi di dollari all'anno.

Le conseguenze di un’istruzione sottofinanziata sono tragiche. I bambini lasciano prematuramente la scuola, spesso senza essere in grado di leggere o scrivere ad un livello base. Questi abbandoni spesso vanno di pari passo con le bande, i trafficanti di droga, persino i jihadisti. Le ragazze si sposano e cominciano ad avere figli molto giovani. I tassi di fertilità restano alti e i figli poveri, le madri sotto-istruite (e i padri) hanno poche prospettive realistiche di sfuggire alla povertà.

Il costo di non riuscire a creare posti di lavoro dignitosi attraverso un sistema scolastico decente è l'instabilità politica, la migrazione di massa verso gli Stati Uniti (dal Centro America e Caraibi) e l'Europa (dal Medio Oriente e Africa), e la violenza legata a povertà, droga, traffico di esseri umani e conflitti etnici. Ben presto, i droni americani arriveranno a esacerbare l'instabilità sottostante.

In breve, abbiamo bisogno di passare dalla CIA al GFE, dai fallimenti costosi di un cambiamento di regime guidato dagli Usa a investimenti nella sanità, nell'istruzione e in posti di lavoro dignitosi.

Alcuni critici sostengono che i fondi per l'istruzione saranno semplicemente sprecati. Eppure i critici hanno detto esattamente la stessa cosa sul controllo delle malattie nel 2000, quando ho proposto di aumentare i finanziamenti nella salute pubblica. Sedici anni dopo, i risultati sono chiari: il carico della malattia è diminuito drasticamente e il Fondo Globale ha dimostrato di essere un grande successo (i donatori ora pensano di sì e hanno recentemente riempito i conti).

Fake news or real views Learn More

Per instaurare una controparte di successo per l'istruzione, in primo luogo gli Stati Uniti e altri paesi dovrebbero raggruppare la loro assistenza in un unico nuovo fondo. Il fondo dovrebbe quindi invitare i paesi a basso reddito a presentare proposte di contributo. Un pannello di revisione tecnico e non politico dovrebbe valutare le proposte e raccomandare quelle che dovrebbero essere finanziate. Le proposte approvate dovrebbero quindi ricevere un sostegno, con l’implementazione del monitoraggio e della valutazione del GFE, consentendo ai governi che performano bene di costruire una comprovata esperienza per una gestione affidabile.

Dal 2000, gli Stati Uniti e altri paesi hanno sperperato migliaia di miliardi di dollari in guerre e acquisto di armi. È giunto il momento per un ragionevole, umano e professionale approccio nuovo che accresca gli investimenti in materia di istruzione, ridimensionando le spese per le guerre, i colpi di stato e le armi. L'istruzione dei giovani del mondo offre la strada più sicura - anzi, l'unica strada – verso lo sviluppo sostenibile globale.