Erdogan Anadolu Agency/Getty Images

La Tragica Scelta di Erdogan

CAMBRIDGE – Fin da quando ha vinto le sue prime elezioni generali alla fine del 2002, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è stato ossessionato dall’idea che il potere gli sarebbe stato strappato attraverso un colpo di stato. Egli aveva buone ragioni di preoccuparsi anche allora. L’establishment ultra-laico della Turchia, al tempo radicato nelle alte sfere della magistratura e delle forze armate, non faceva mistero della propria antipatia nei confronti di Erdogan e dei suoi alleati politici.

Erdogan stesso era stato imprigionato per aver recitato poesie a sfondo religioso, cosa che gli ha impedito di insediarsi subito quando nel novembre 2002 il suo Partito Giustizia e Sviluppo (AKP) ha assunto il mandato. Nel 2007, l’esercito ha rilasciato una dichiarazione in cui si opponeva al candidato dell’AKP per la presidenza – allora soprattutto un leader di facciata. E nel 2008, il partito ha evitato per poco di essere chiuso dalla corte superiore del paese per “attività anti-laiche”.

Gli sforzi della vecchia guardia sono in gran parte falliti e sono serviti solo ad aumentare la popolarità di Erdogan. Il rafforzamento della sua presa sul potere avrebbe potuto tranquillizzarlo e condurre verso uno stile politico meno conflittuale. Invece, negli anni successivi, i Gülenisti suoi alleati di allora – seguaci del religioso in esilio Fethullah Gülen – sono riusciti a far accrescere l’ossessione di Erdogan trasformandola in paranoia.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/Sl5gxcM/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.