fair use. (c): Consumer Financial Protection Bureau

La Rilevanza Politica di Elizabeth Warren

WASHINGTON, DC –La riforma finanziaria è a rischio negli Stati Uniti, e nel mondo. Non sono stati risolti i problemi che ci hanno portato alla terribile crisi del 2007-20008. Alcune debolezze di fondo sono in realtà peggiori di quanto non lo fossero dieci anni fa, compreso il problema delle megabanche globali “too big to fail - troppo grandi per fallire”.

L'Europa sta facendo marcia indietro sulla riforma finanziaria; i suoi politici sono troppo preoccupati di tenere insieme la zona euro. In America, con l’attuale Congresso, non ci sarà una nuova legislazione - e probabilmente non ci sarà per molto tempo. Il Dodd-Frank Act del 2010 potrebbe rivelarsi un quadro normativo per una regolamentazione efficace, o potrebbe diventare un altro insieme di vuote promesse. Fino ad oggi, l'attuazione è andata avanti lentamente.

L'attuazione dipende dai regolatori bancari - alcuni dei quali sono molto bravi, mentre altri rimangono in balia delle grandi banche di Wall Street. Le questioni sono minuziose e tecniche, e la lobby finanziaria ha schierato un esercito di esperti ben pagati con il preciso obiettivo di ritardare, diluire, deviare. Il processo è ancora soggetto al controllo politico, ma molti politici vengono facilmente disorientati quando la discussione si inoltra su terreni accidentati.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/y3qpona/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.