A volunteer sets up a street lamp in the market area of the Oshodi district in Lagos PIUS UTOMI EKPEI/AFP/Getty Images

“Mini-Grid” per la Crescita Rurale

NAIROBI/NEW DELHI – Più di 300 milioni di persone in India non hanno accesso all’elettricità, mentre nell’Africa sub-sahariana, un numero doppio vive senza energia elettrica. A fronte di incrementi demografici attesi superiori ai tassi di connessione, si prevede che nel breve periodo la “povertà energetica” sia destinata a peggiorare.

Per decenni, le comunità rurali delle economie di frontiera hanno aspettato invano l’arrivo dell’elettricità fornita dallo stato. Ma oggi, le nuove tecnologie – unitamente a pannelli solari più economici, batterie migliori e sistemi di pagamento mobili – stanno cambiando il modo di produrre e distribuire l’energia elettrica. Con le cosiddette “minireti” – servizi per l’erogazione di energia localizzati e di dimensioni ridotte – i produttori indipendenti possono elettrificare le comunità periferiche più velocemente e più a buon mercato di quanto possano fare i servizi tradizionali. La sfida è convincere politici, finanziatori ed esponenti di interessi costituiti sull’utilità della scelta di decentralizzare.

Affrontare l’elettrificazione rurale con le minireti non costituisce un’idea nuova; le comunità, dagli Stati Uniti alla Cambogia, hanno usato a lungo questo approccio per realizzare sistemi di infrastrutture locali all’interno delle reti regionali e nazionali. E per le comunità “affamate” di energia, le minireti rappresentano un potenziale punto di svolta. Secondo l’International Energy Agency (IEA), soluzioni decentrate come le “mini-grid” rappresentano l’opzione più conveniente per fornire energia elettrica ad oltre il 70% di coloro che non sono collegati, a condizione che i progetti possano attrarre nuove fonti di capitale. Con 300 miliardi di dollari in investimenti e politiche di supporto, secondo l’IEA, le minireti potrebbero servire 450 milioni di persone entro il 2030.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

Help make our reporting on global health and development issues stronger by answering a short survey.

Take Survey

http://prosyn.org/T9CmCKq/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.