Trezeguet of Egypt is seen during the 2018 FIFA World Cup Russia Gokhan Balci/Anadolu Agency/Getty Images

Quattro Lezioni dall’Esperienza di Coppa del Mondo dell’Egitto

LAGUNA BEACH – La squadra nazionale di calcio dell’Egitto è arrivata in Russia per la sua prima finale di Coppa del Mondo da 28 anni su un’onda di alte aspettative e di forte entusiasmo dei tifosi. Ora torna a casa dopo aver perso tutte le partite – una delusione non da poco per un paese che prende molto sul serio sia il calcio che l’orgoglio nazionale. Adesso è scoppiato un gioco di “scaricabarile” da cui nessuno sembra essere escluso.

Questo può essere comprensibile, ma non è costruttivo. In effetti, rischia di oscurare lezioni importanti che possono aiutare non solo l’Egitto, ma anche altre economie emergenti, a realizzare le loro considerevoli potenzialità – e non solo nel calcio.

La prima lezione è gestire le aspettative. Il periodo di preparazione alla Coppa del Mondo è stato dominato dai meritati elogi per la stella della squadra, Mohamed Salah, che è stato designato nel 2017/2018 due volte miglior giocatore dell’anno del calcio inglese, e che è diventato l’idolo di milioni di Egiziani. Aggiungete a ciò il fatto che l’Egitto non si qualificava ad una finale di Coppa del Mondo dal 1990, e le aspettative hanno finito per superare di molto quello che la squadra poteva realisticamente realizzare nel torneo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/dfolWZH/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.