The headquarters of the European Central Bank Thomas Lohnes/Getty Images

Mercati euforici e politica risoluta

CAMBRIDGE – La crescita economica mondiale è salita nel 2017 e la migliore ipotesi è che l'economia globale crescerà con forza anche nel 2018. Allo stesso tempo, un'ondata crescente di populismo e autoritarismo rappresenta un rischio per le istituzioni democratiche stabili che sono alla base della crescita a lungo termine. Eppure i giornali che sembrano preannunciare instabilità politica e caos non hanno impedito il rialzo dei mercati azionari. Che succede?

Prima di tutto, partiamo con le buone notizie. Sicuramente il fattore principale della crescita globale sincronizzata è che l'economia mondiale sta finalmente lasciando dietro di sé la lunga ombra della crisi finanziaria del 2008. Parte della buona fortuna di oggi è la conseguenza di anni di domanda debole. E la fase di recupero non è finita, con gli investimenti aziendali che finalmente riprendono dopo un decennio di rallentamento, gettando così le basi per una crescita più rapida e per maggiori incrementi di produttività in futuro.

È vero che la crescita economica in Cina sta rallentando, dal momento che le autorità tentano, in ritardo, di contenere una bolla del credito, ma molti altri mercati emergenti - in particolare l'India - sono destinati a crescere più velocemente quest'anno. L'aumento dei mercati azionari e del mercato immobiliare potrebbe alimentare disuguaglianze, ma potrebbe anche far crescere la spesa per i consumatori.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/U7Ky7D2/it;

Handpicked to read next