L’età della vulnerabilità

NEW YORK – Due nuovi studi dimostrano, ancora una volta, l’entità della disuguaglianza che affligge gli Stati Uniti. Il primo, il report annuale su reddito e povertà svolto dal Census Bureau (l’Ufficio del censimento americano), dimostra che malgrado la presunta ripresa dell’economia dalla Grande Recessione, i redditi dei comuni cittadini americani continuano a restare stagnanti. Il reddito medio delle famiglie, tenuto conto dell’inflazione, resta al di sotto del livello registrato un quarto di secolo fa.

Si è sempre pensato che la più grande forza dell’America non fosse il potere militare, bensì un sistema economico invidiato da tutto il mondo. Ma per quale motivo altri Paesi dovrebbero cercare di emulare un modello economico nel quale un’ampia percentuale – o meglio la maggioranza – della popolazione ha visto il proprio reddito stagnarsi mentre i redditi al vertice della piramide sociale sono schizzati alle stelle?

Il secondo studio, il report del 2014 sullo sviluppo umano, nell’ambito del programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) avvalora questi risultati. Ogni anno, l’UNDP pubblica una classifica dei Paesi in base all’indice di sviluppo umano (HDI), che incorpora altri parametri del benessere oltre al reddito, incluse salute e istruzione.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/6rfL1sS/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.