Refugees walking to Germany Paul Hackett/ZumaPress

Le grandi assenti nel caso profughi d’Europa

LONDRA – Di fronte al più grande afflusso di profughi in Europa degli ultimi decenni, le risposte e le proposte di intervento da parte dell’Unione europea e dei governi membri sono state di natura molto diversificata, e il dibattito si è fatto sempre più politicizzato. Anche le organizzazioni internazionali e le agenzie non governative come l’UNHCR e l’International Rescue Committee, e leader religiosi come Papa Francesco e l’Arcivescovo di Canterbury, si sono espressi sull’argomento. Ma ci sono state delle grandi assenti: le aziende.

Mentre i governi, gli enti di beneficienza e le organizzazioni benefiche discutono attivamente sulla condivisione della responsabilità rispetto ai profughi in tutte le fasi del loro viaggio – dai campi in Giordania, Libano e Turchia ai centri di transito e agli insediamenti – le aziende europee sono rimaste stranamente silenziose. Ma in un’epoca in cui il settore imprenditoriale è più potente che mai, viste le diverse multinazionali sparse per il mondo, il settore privato deve lavorare con governi e Ong per aiutare ad affrontare le sfide di breve e lungo termine poste dalle massicce ondate di rifugiati.

Di fatto, i leader di ogni settore devono essere coinvolti dall’inizio, lo devono a loro stessi. Solo trasformando le sfide in opportunità si possono attenuare i rischi sociali, politici ed economici.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/SnUwo31/it;