L'età di rottura

LONDRA – Nell'anno 2013 il mondo si è addentato ulteriormente nell'era digitale, un'epoca di cambiamenti il cui impatto sull'economia mondiale potrebbe essere 2-3 volte maggiore rispetto a quello della Rivoluzione industriale. Circa il 90% dei dati complessivi a livello globale sono stati generati negli ultimi due anni. Nel 2020, la quantità dei dati memorizzati potrebbe moltiplicarsi fino a cinquanta volte quella del 2010. Molti esperti considerano questa massiccia esplosione di dati come il nuovo petrolio, o addirittura una nuova asset class, una classe d'investimento.

Tale profusione di dati è alimentata dalla quasi ubiquità di Internet. Gli smartphone si preparano a collegare altri 2-3 miliardi di persone nel mondo entro il 2020, con miliardi di sensori che controllano ogni cosa – dai trattori ai motori a reazione – e un continuo miglioramento della potenza di calcolo che consentono un notevole incremento in termini di archiviazione e analisi dei dati.

In tale contesto, una certa elasticità nella gestione e nell'analisi dei dati sarà fondamentale per il successo di un’organizzazione. Uno studio pubblicato nel 2011 da Erik Brynjolfsson e alcuni suoi colleghi del MIT dimostra che le aziende che basano i propri processi decisionali su dei dati registrano un tasso di produttività maggiore del 5-6% rispetto a quelle che non lo fanno. La capacità di cogliere, organizzare, comprendere e operare con dei dati è ormai diventata una competenza essenziale per qualsiasi settore.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/WOlEF9b/it;