Una nuova direzione per la salute globale

NEW YORK – E’ facile scoraggiarsi di fronte allo stato attuale della cooperazione internazionale, anche se la sanità globale rimane il campo in cui il mondo riesce a continuare a collaborare a scopo benefico. Negli ultimi dodici anni, le iniziative internazionali hanno infatti garantito il trattamento contro l’HIV/AIDS a milioni di persone, hanno ampliato i programmi d’immunizzazione infantile e incoraggiato un aumento degli aiuti globali alla gestione delle sfide sanitarie, dalla malaria alla salute materna.

Il sostegno internazionale alla salute globale è un investimento, che i paesi più ricchi possono permettersi senza grandi problemi, nella prosperità futura dei paesi in via di sviluppo e del benessere dei loro cittadini

Gli Stati Uniti, ad esempio, sono al primo posto nello stanziamento di fondi a sostegno della salute globale, che nel 2013 sono stati pari a circa lo 0,23% della spesa statunitense. I profitti derivanti da questi investimenti sono stati significativi: la mortalità infantile sta diminuendo rapidamente, milioni di persone che sarebbero morte di HIV/AIDS sono ancora vive, mentre i paesi beneficiari degli aiuti sono sempre più autosufficienti e sono in molti casi diventati dei partner commerciali e strategici.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/uKUa18s/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.