Africa doctor child health care UN Photo/Tobin Jones/Flickr

Bloccare la “Fuga” dei Medici Africani

OXFORD – C’è una comprensibile costernazione riguardo al Piano dell’Uganda di inviare quasi 300 operatori sanitari a Trinidad e Tobago. A quanto se ne sa, il piano prevede 4 degli 11 psichiatri ugandesi registrati, 20 dei 28 radiologi, e 15 dei 92 pediatri. In cambio, il paese caraibico (che ha un rapporto medico-paziente 12 volte superiore a quello ugandese) aiuterà l’Uganda a sfruttare i propri giacimenti di petrolio recentemente scoperti.

Il ministro degli esteri ugandese dichiara che l’accordo è parte del suo mandato per promuovere gli interessi del Paese all’estero attraverso il trasferimento di competenze e tecnologie, così come un’opportunità per guadagnare valuta estera mediante la creazione di occupazione per i propri cittadini. Ma i donatori internazionali dell’Uganda non sono convinti; gli Stati Uniti hanno espresso forte preoccupazione, e il Belgio ha sospeso gli aiuti allo sviluppo per il settore sanitario ugandese.

Due miei amici, un ginecologo e un pediatra, hanno fatto richiesta di andare. Se io lavorassi ancora con loro in Uganda, è probabile che sarei tentato di unirmi all’esodo. Gli operatori sanitari ugandesi hanno talento e sono altamente qualificati. Ma spesso lavorano in condizioni spaventose con grandi sacrifici personali. Quindi non è sorprendente che siano sfiduciati e cerchino opportunità professionali altrove. Sanno che lo status quo non funziona, e che qualcosa deve cambiare.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/cIY4Pa0/it;