Drain at construction site

Arrestare le fughe di capitali dei paesi in via di sviluppo

NEW YORK – I paesi in via di sviluppo si stanno preparando a un importante rallentamento quest'anno. Secondo il rapporto delle Nazioni Unite World Economic Situation and Prospects 2016, la loro crescita ha raggiunto in media solo il 3,8% nel 2015- il tasso più basso dallo scoppio della crisi finanziaria globale nel 2009 ed è stato eguagliato in questo secolo solo dall'anno di recessione del 2001. E quello che è importante tenere a mente è che il rallentamento in Cina e le recessioni profonde nella Federazione russa e in Brasile spiegano solo una parte del vasto decadimento della crescita.

È vero, il calo della domanda di risorse naturali in Cina (che rappresenta quasi la metà della domanda mondiale di metalli vili) ha avuto molto a che fare con i forti ribassi di questi prezzi, che hanno colpito molte economie emergenti e in via di sviluppo in America Latina e in Africa. In effetti, il rapporto delle Nazioni Unite elenca 29 economie che potrebbero essere gravemente colpite dal rallentamento della Cina. E il crollo dei prezzi del petrolio di oltre il 60% dal luglio 2014 ha minato le prospettive di crescita dei paesi esportatori di petrolio.

La vera preoccupazione, però, non è solo la caduta dei prezzi delle materie prime, ma anche gli ingenti flussi in uscita di capitali. Tra il 2009 e il 2014, i paesi in via di sviluppo hanno ricevuto collettivamente un afflusso netto di capitali di 2,2 miliardi di dollari, in parte a causa dell’allentamento quantitativo nelle economie avanzate, che ha spinto i tassi di interesse quasi a zero.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/fjeZ5ll/it;