Adrian Dennis/Getty Images

Comprendere il Puzzle della Produttività

LONDRA – In tutte le principali economie, il cosiddetto puzzle della produttività continua a lasciare perplessi economisti e politici: la produzione per ora è significativamente inferiore a quella che sarebbe stata se fosse proseguito il trend di crescita anteriore al 2008. Le cifre sono crude, soprattutto nel Regno Unito, ma anche nei paesi dell’OCSE. Va da sé che gli economisti abbiano molte ingegnose spiegazioni da offrire, tuttavia nessuna di esse si è ancora dimostrata abbastanza convincente da creare consenso.

Secondo l’ Office for National Statistics del Regno Unito, nel 2015 in Francia la produzione per ora è stata inferiore del 14% a quella che si sarebbe registrata se si fosse uguagliato il tasso di crescita tendenziale normale nella fase precedente. Il prodotto è stato inferiore del 9% negli Stati Uniti e dell’8% in Germania, che è rimasta la migliore performer tra le economie sviluppate, sebbene solo in termini relativi. Se questo nuovo e più basso tasso di crescita persisterà, entro il 2021 i redditi medi americani saranno inferiori del 16% rispetto al livello che avrebbero avuto se gli Stati Uniti avessero mantenuto l’incremento annuo della produttività di circa il 2% registrato dal 1945.

Il Regno Unito rappresenta un caso particolarmente cronico di tale sindrome. Nel 2007, la produttività britannica è stata del 9% inferiore alla media dell’OCSE; dal 2015, il divario si è allargato al 18%. È impressionante come la produttività per ora del Regno Unito sia del 35% al di sotto del livello tedesco e del 30% inferiore a quella degli Stati Uniti. Persino i Francesi potrebbero produrre l’output del lavoratore medio britannico in una settimana, anche con il venerdì libero. Sembrerebbe che, oltre ai fattori che interessano tutte le economie sviluppate, il Regno Unito abbia un management particolarmente debole.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/HT604tp/it;
  1. China corruption Isaac Lawrence/Getty Images

    The Next Battle in China’s War on Corruption

    • Chinese President Xi Jinping knows well the threat that corruption poses to the authority of the Communist Party of China and the state it controls. 
    • But moving beyond Xi's anti-corruption purge to build robust and lasting anti-graft institutions will not be easy, owing to enduring opportunities for bureaucratic capture.
  2. Italy unemployed demonstration SalvatoreEsposito/Barcroftimages / Barcroft Media via Getty Images

    Putting Europe’s Long-Term Unemployed Back to Work

    Across the European Union, millions of people who are willing and able to work have been unemployed for a year or longer, at great cost to social cohesion and political stability. If the EU is serious about stopping the rise of populism, it will need to do more to ensure that labor markets are working for everyone.

  3. Latin America market Federico Parra/Getty Images

    A Belt and Road for the Americas?

    In a time of global uncertainty, a vision of “made in the Americas” prosperity provides a unifying agenda for the continent. If implemented, the US could reassert its historical leadership among a group of countries that share its fundamental values, as well as an interest in inclusive economic growth and rising living standards.

  4. Startup office Mladlen Antonov/Getty Images

    How Best to Promote Research and Development

    Clearly, there is something appealing about a start-up-based innovation strategy: it feels democratic, accessible, and so California. But it is definitely not the only way to boost research and development, or even the main way, and it is certainly not the way most major innovations in the US came about during the twentieth century.

  5. Trump Trade speech Bill Pugliano/Getty Images .

    Preparing for the Trump Trade Wars

    In the first 11 months of his presidency, Donald Trump has failed to back up his words – or tweets – with action on a variety of fronts. But the rest of the world's governments, and particularly those in Asia and Europe, would be mistaken to assume that he won't follow through on his promised "America First" trade agenda.