Paul Lachine

Il Default del Grande Governo

WASHINGTON, DC – La leadership repubblicana al Congresso è decisa a sfidare l’amministrazione Obama sul tetto del debito pubblico. Di solito ci si aspetta che i Repubblicani alla Camera chiudano un occhio in questa fase delle trattative, ma esiste una minoranza intransigente che effettivamente sembra prendere in considerazione l’idea di un default sul debito pubblico.

Tali esponenti – che ho avuto modo di conoscere recentemente durante tre sedute del Congresso – sono convinti che il governo americano sia eccessivamente importante rispetto all’economia, e che servano misure drastiche per riportarlo sotto controllo. A seconda del modo con cui si valuta l’influenza del “Tea Party” su Capitol Hill, un default almeno parziale del debito non sembra improbabile come lo è stato in passato – e i recenti ammonimenti delle agenzie di rating riflettono questo alto rischio.

Le conseguenze di qualsiasi default incrementerebbero paradossalmente le dimensioni del governo rispetto all’economia americana – proprio il risultato che i repubblicani intransigenti vorrebbero evitare.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/wxHX6Iq/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.