European Parliament/Pietro Naj-Oleari

Il governo che si merita l’Europa?

BRUXELLES – Con l’allocazione finale dei portafogli all’interno del suo ramo esecutivo, la Commissione Europea, l’Unione europea ha completato il cambio della guardia. Il processo ha richiesto quasi quattro mesi, succedutisi alle elezioni del Parlamento europeo che si sono tenute a fine maggio, e l’esito finale ha inevitabilmente comportato una serie di compromessi – destinati a un’Ue di 28 suscettibili stati nazione.

Per un corretto funzionamento delle istituzioni Ue nessuna componente importante (destra o sinistra, ovest o est, e così via) deve sentirsi tagliata fuori. E la nuova Commissione europea sembra alquanto solida, considerato che più di 20 dei suoi 28 Stati membri sono stati precedentemente scelti per la carica di primo ministro, vice primo ministro o ministri. Le persone che detengono importanti incarichi politici nel proprio Paese hanno un certo interesse nel venire a Bruxelles.

Gran parte dell’attenzione si è però focalizzata sulle tre posizioni massime dell’Ue: Presidente della Commissione europea, Presidente del Consiglio europeo e Alto rappresentante per gli affari esteri.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/hCcbDCs/it;