Riavviare l’economia dell'Ucraina

BRUXELLES – In varie capitali dell'Est e dell'Ovest aleggia la fatidica domanda: "Chi ha perso l'Ucraina?" Purtroppo, però, non è questo l’interrogativo più urgente che oggi ci si dovrebbe porre.


Un problema ben più importante è come riuscire a stabilizzare la situazione del paese. Dal momento che poco si può fare, a livello pratico, per mandar via la Russia dalla Crimea, la principale sfida al momento è quella di mantenere il resto del paese unito e rimetterne in moto l’economia, il cui dinamismo è attualmente "congelato" per via dell'insostenibilità del suo deficit pubblico ed esterno.


Le aree che più necessitano d riforme sono ben note: bisogna incrementare in modo sostanziale il prezzo del gas in modo da rispecchiare i costi, dare un taglio agli incentivi per la produzione interna di carbone e rivedere la governance dei gasdotti del paese, che continuano a ricevere cospicue royalties per il trasporto di gas russo verso l'Europa occidentale. Da quando questi gasdotti sono stati affidati a società nominalmente private attraverso accordi poco trasparenti, i proventi derivati dalle tasse di transito sono spariti, così come enormi quantità di gas, mentre la manutenzione è rimasta scarsa.


To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/tw4JktA/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.