Il Divario Nella Crescita Transatlantica

BRUXELLS – La crisi finanziaria globale esplosa con pieno vigore nel 2008 ha colpito l’Europa e gli Stati Uniti in un modo molto simile - almeno all’inizio. Su entrambi i lati dell’Atlantico, l’andamento economico è crollato disastrosamente nel 2009 ed ha iniziato a recuperare nel 2010.

Ma, non appena la crisi finanziaria si è trasformata in crisi dell’euro, un abisso si è aperto tra gli Stati Uniti e la zona euro. Nel corso degli ultimi tre anni (2011-2013), l’economia statunitense è cresciuta di circa sei punti percentuali. Anche tenendo conto del crescente differenziale demografico, che ora ammonta a circa mezzo punto percentuale l’anno, in questi tre anni l’economia americana è cresciuta di circa 4.5 punti percentuali su base pro capite.

Il motivo principale del gap è la differenza nei consumi privati, che sono cresciuti negli Stati Uniti, ma sono crollati nella zona euro, soprattutto nella sua periferia. In realtà, un ridimensionamento dei consumi pubblici ha sottratto una quota maggiore di domanda negli Stati Uniti (0.8 punti percentuali) rispetto all’Unione Europea (0.1). Questo potrebbe sembrare alquanto sorprendente alla luce di tutti i discorsi riguardo all’austerità imposta da Bruxelles.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/MdWDdzf/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.