Una Classe A Sé Stante

PRINCETON – Le persone molto ricche, come notoriamente ha scritto F. Scott Fitzgerald, “sono diverse da voi e da me”. La loro ricchezza le rende “ciniche laddove noi siamo creduloni”, e fa loro pensare di “essere migliori di noi”. Se oggi queste parole suonano vere, è forse perché quando furono scritte, nel 1926, le diseguaglianze negli Stati Uniti avevano raggiunto livelli paragonabili a quelli odierni.

Per gran parte del periodo compreso tra la fine della seconda guerra mondiale e gli anni ottanta, nei paesi avanzati le disuguaglianze sono state moderate. Il divario tra i super-ricchi e il resto della società sembrava meno abissale - non solo in termini di reddito e di ricchezza, ma anche in termini di relazioni e obiettivi sociali. I ricchi avevano più soldi, ovviamente, ma sembravano comunque far parte della stessa società dei poveri, accettando il fatto che per fattori geografici e civili condividevano un destino comune.

Come Mark Mizruchi dell’Università del Michigan sottolinea in un libro recente, nel dopoguerra l’elite economica americana aveva “un’etica della responsabilità civica e un egoismo illuminato”. I suoi esponenti collaboravano con i sindacati e favorivano un forte ruolo pubblico nella regolazione e stabilizzazione dei mercati. Comprendevano la necessità delle imposte per il finanziamento di importanti beni pubblici, come le autostrade interstatali e le reti di sicurezza per i poveri e gli anziani.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/nfscDKb/it;