Dalla disoccupazione all’imprenditorialità

CHICAGO – È noto che negli Stati Uniti l’occupazione nel manifatturiero abbia registrato un significativo calo, a causa dell’ascesa di questo settore in Paesi in via di sviluppo come Messico e Cina. Ma pochi riconoscono simili flessioni in altri settori, malgrado le ampie implicazioni economiche, politiche e sociali di tali trend.

Dal 1972, il numero degli operatori telefonici è sceso di 82%, dei dattilografi di 80%, delle segretarie di 60% e dei contabili del 50%. Inoltre, durante la Grande Recessione, i lavori nel settore ufficio e amministrativo sono scesi dell’8%, i lavori di produzione e artigianato del 17% e il numero delle posizioni per operatori di macchinari, fabbricanti e operai è sceso del 15%. L’occupazione in tutti gli altri settori è rimasta invariata o è cresciuta.

Il manifatturiero e il supporto amministrativo hanno sempre dato lavoro a milioni di persone. Ma i progressi tecnologici hanno consentito a molti di questi lavori del ceto medio di essere automatizzati o trasferiti all’estero – un processo che tende ad accelerare con la crescente automazione delle attività basate sulla conoscenza e i progressi nella robotica.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/NZFo9Hl/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.