Pianificando la prossima crisi

WASHINGTON — L’opinione pubblica informata è profondamente divisa su come andranno i prossimi 12 mesi per l’economia globale. Chi è più focalizzato sui mercati emergenti enfatizza una crescita accelerata, con previsioni fino al 5% su scala mondiale. Altri, preoccupati per il contesto europeo e statunitense, rimangono pessimisti e danno la crescita al 4%; tra questi alcuni vedono in prospettiva una seconda recessione.

Si tratta di un dibattito interessante, che però manca l’obiettivo principale. In risposta alla crisi del 2007-2009, i governi della maggior parte dei paesi industrializzati hanno avviato i più consistenti piani di salvataggio mai visti a beneficio dei grandi istituti finanziari. Ovviamente non è politicamente corretto definirli piani di salvataggio, l’espressione preferita dei policy maker è “sostegno alla liquidità” o “protezione sistemica”. Ma si tratta della stessa operazione; alla resa dei conti i governi più potenti al mondo (almeno sulla carta) hanno messo in secondo piano le necessità e la volontà delle persone che avevano prestato i soldi alle grandi banche.

In qualsiasi circostanza, la logica si è rivelata impeccabile. Ad esempio, se gli USA non avessero dato un sostegno incondizionato alla Citigroup nel 2008 (sotto la presidenza di George W. Bush) e nel 2009 (sotto la presidenza di Barack Obama), l’inevitabile crollo finanziario avrebbe aggravato la recessione e la disoccupazione in tutto il mondo. Allo stesso modo, se l’eurozona non si fosse mobilitata negli ultimi mesi, con l’aiuto del Fondo Monetario Internazionale, a sostegno della Grecia e dei suoi creditori, ci saremmo senza dubbio trovati di fronte ad una più profonda difficoltà finanziaria in Europa e forse anche in altre zone.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/7Gn1mVB/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.