gaspard2_Laszlo BaloghGetty Images_viktororban Laszlo Balogh/Getty Images

Autoritarismo virale

NEW YORK – “Dio e il popolo sono la fonte di ogni potere… io l’ho raggiunto e, dannazione, lo conserverò per sempre”, dichiarava nel 1963 il presidente di Haiti François Duvalier, noto come “Papa Doc”. E così fece, restando in carica fino alla morte, avvenuta nel 1971, dopo la quale gli succedette il figlio Jean-Claude (“Baby Doc”), che allungò la dittatura di altri quindici anni.

Qualcuno penserà che sia acqua passata, ma io no. La mia famiglia è di origine haitiana e, sebbene durante la mia infanzia emigrammo negli Stati Uniti, sembrava sempre che lo spietato regime dei Duvalier potesse raggiungerci. Non ho mai dimenticato le brutali lezioni che il popolo haitiano era stato costretto a imparare sotto il loro governo, incluso come i Duvalier sfruttavano puntualmente disastri naturali e crisi nazionali per aggrapparsi ancora di più al potere.  

Oggi dobbiamo tenere bene a mente quella lezione. Il COVID-19 rappresenta una minaccia non solo per la salute pubblica, ma anche per i diritti umani. Nel corso della storia, crisi come quella attuale hanno fornito ai regimi autoritari un comodo pretesto per ammantare di normalità i propri impulsi tirannici. I miei genitori lo vissero in prima persona, e ora la storia si sta ripetendo.

To continue reading, register now.

As a registered user, you can enjoy more PS content every month – for free.

Register

or

Subscribe now for unlimited access to everything PS has to offer.

https://prosyn.org/LotANTlit