colleagues working finance Sirinarth Mekvorawuth/EyeEm/Getty Images

I Vincoli Fiscali delle Banche Centrali

CAMBRIDGE – Se si chiede alla maggior parte dei banchieri centrali di tutto il mondo quale sia il loro piano per affrontare una prossima recessione di dimensioni normali, sarete sorpresi di quanti (almeno nelle economie avanzate) rispondano: “politiche fiscali”. Ma, date le forti probabilità di una recessione nei prossimi due anni – circa il 40% negli Stati Uniti, ad esempio – i responsabili delle politiche monetarie che ritengono che le sole politiche fiscali possano risolvere il problema rischiano di ricevere un brusco risveglio.

Sì, è vero che con tassi di interesse prossimi allo zero nella maggior parte delle economie avanzate (e poco al di sopra del 2% anche in una America in rapida crescita), senza una notevole creatività in una fase di recessione le politiche monetarie hanno poco spazio di manovra. L’idea migliore sarebbe creare un contesto in cui le politiche con tasso di interesse negativo possano essere utilizzate in modo più completo ed efficace. Ciò infine finirà per accadere, ma intanto l’attuale eccessiva dipendenza da politiche fiscali anticicliche appare pericolosamente ingenua.

Vi sono enormi differenze istituzionali tra le banche centrali tecnocratiche e le legislature politicamente instabili che controllano spesa e politica fiscale. Si tenga presente che la recessione tipica di un’economia avanzata dura solo un anno o giù di lì, mentre la politica fiscale, anche nelle migliori circostanze, richiede invariabilmente almeno alcuni mesi solo per essere messa in atto.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

http://prosyn.org/JRoPWad/it;
  1. haass102_ATTAKENAREAFPGettyImages_iranianleaderimagebehindmissiles Atta Kenare/AFP/Getty Images

    Taking on Tehran

    Richard N. Haass

    Forty years after the revolution that ousted the Shah, Iran’s unique political-religious system and government appears strong enough to withstand US pressure and to ride out the country's current economic difficulties. So how should the US minimize the risks to the region posed by the regime?

  2. frankel100_SpencerPlattGettyImages_mansitswithumbrellawallstreet Spencer Platt/Getty Images

    The US Recovery Turns Ten

    Jeffrey Frankel

    The best explanation for the current ten-year US economic expansion – tied for the longest since 1854 – is disappointingly simple: the Great Recession was the worst downturn since the 1930s. And if the dates of American business cycles were determined by the rule that most other countries apply, the current expansion would be far from beating the record.

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.