Sepp Blatter resigns Melanie Duchene/ZumaPress

La trappola dell’impunità

NEW YORK – Il nostro è un mondo di impunità. Le accuse di corruzione aleggiano da decenni in Fifa, e sono culminate nei rinvii a giudizio di molti dirigenti Fifa la scorsa settimana. Eppure il presidente della Fifa Sepp Blatter è stato rieletto quattro volte, anche dopo essere stato iscritto nel registro degli indagati. Sì, alla fine Blatter si è dimesso, ma solo dopo aver ancora una volta disprezzato, insieme a decine di altri membri della Federazione, l’onestà e la legge.

Assistiamo a questo tipo di comportamento in tutto il mondo. Prendiamo Wall Street. Nel 2013 e nel 2014, JPMorgan Chase pagò oltre 20 miliardi di dollari in multe per illecito finanziario; eppure il Ceo si è portato a casa 20 milioni di dollari di compenso sia nel 2014 che nel 2015. Oppure consideriamo gli scandali di corruzione registrati in Brasile, Spagna e in molti altri Paesi, dove i governi restano al potere anche dopo aver riscontrato alti livelli di corruzione all’interno del partito al governo.

L’abilità di chi brandisce grande potere pubblico e privato per violare la legge e le norme etiche per un tornaconto personale rappresenta una delle più evidenti manifestazioni di disuguaglianza. I poveri prendono l’ergastolo per reati minori, mentre i banchieri che derubano la gente per miliardi di dollari ricevono inviti a cene di stato alla Casa Bianca. Una famosa ballata inglese del Medioevo mostra che non si tratta di un nuovo fenomeno:

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/2Yc6PIk/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.