Construction workers Justin Sullivan/Getty Images

In attesa della rivoluzione edilizia

LONDRA – Per 20 anni, la produttività nel settore dell’edilizia globale è cresciuta a un tasso annuale di appena l’1%. Oggi, l’industria ha bisogno di entrare nel ventunesimo secolo, in modo tale che possa soddisfare la crescente domanda di nuove strutture e far fronte alla crescita di alloggi a livello mondiale e alle lacune infrastrutturali.

Il ritmo lento di cambiamento del settore edilizio non è uguale a quello di altri settori come l’agricoltura e l’industria manifatturiera, che hanno trasformato la loro performance di produttività nel tempo. Tra il 1947 e il 2010, il settore manifatturiero statunitense ha raggiunto una crescita cumulativa reale della produttività (rettificata per l’inflazione) del 760%, rispetto al 6% del settore edilizio.

Anche se l’industria edilizia ha da tempo riconosciuto la sua debolezza, deve fare qualcosa per intervenire. Ma, considerando le incalzanti difficoltà degli alloggi e delle infrastrutture in tutto il mondo, questa situazione non è più sostenibile. L'urbanizzazione può stabilizzarsi in molte economie avanzate, ma continuerà a crescere nei paesi emergenti. Le 20 città più grandi del mondo, di cui il 75% in Asia, avranno bisogno di circa 36 milioni di nuove abitazioni entro il 2025.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

http://prosyn.org/8oKrnSx/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.