9

Le Montagne Russe delle Commodity

CAMBRIDGE – Il super-ciclo globale delle commodity non è certo un fenomeno nuovo. Anche se i dettagli variano, gli esportatori di materie prime tendono a mettere in scena la stessa storia, e i risultati economici tendono a seguire modelli riconoscibili. Ma l’elemento di prevedibilità nella traiettoria del ciclo del prezzo delle merci primarie, così come nel percorso di un ottovolante, non ne rende le evoluzioni più facili da sopportare.

Dalla fine del XVIII secolo, ci sono state sette o otto espansioni nei prezzi delle materie prime non petrolifere, in relazione al prezzo dei manufatti. (Il numero esatto dipende da come si definiscono gli alti e bassi). Le fasi espansionistiche di solito hanno avuto durate di 7-8 anni, anche se quella iniziata nel 1933 ha abbracciato quasi due decenni. Tale eccezione è stata sostenuta in primo luogo dalla seconda guerra mondiale e poi dalla ricostruzione post-bellica di Europa e Giappone, nonché dalla rapida crescita economica degli Stati Uniti. Il boom più recente, che ha avuto inizio nel 2004 e si è concluso nel 2011, si inquadra meglio nella norma.

Le fasi di contrazione dei prezzi delle commodity – con decrementi tra valori massimi e minimi di oltre il 30% – hanno una durata simile, protraendosi, in media, per circa sette anni. L’attuale fase espansiva è oggi al quarto anno, con i prezzi delle materie prime non petrolifere (rispetto ai prezzi d’esportazione dei prodotti manifatturieri) diminuiti finora di circa il 25%.

Le fasi espansive del prezzo delle materie prime sono di solito associate a redditi in crescita, posizioni fiscali più solide, apprezzamenti delle valute, oneri finanziari in calo, ed afflussi di capitali. Durante le fasi recessive, queste tendenze si invertono. Infatti, dall’inizio della crisi attuale, quattro anni fa, per molti esportatori di materie prime l’attività economica è notevolmente rallentata; le loro valute si sono ribassate, dopo quasi un decennio di relativa stabilità; gli spread sui tassi di interesse si sono ampliati; e gli afflussi di capitali si sono esauriti.