Nuclear energy Bloomberg/Getty Images

La nuova politica per l’energia pulita

NEW YORK – I diplomatici hanno fatto il proprio lavoro, che si è concluso con l’accordo sul clima di Parigi svoltosi a dicembre. E i leader politici si sono riuniti la scorsa settimana per siglare il nuovo accordo. Anche se la parte dura è sicuramente l’implementazione. I governi hanno bisogno di un nuovo approccio per affrontare un tema molto complesso, a lungo termine e di portata mondiale.

La sfida sul clima riguarda essenzialmente l’energia. Circa l’80% dell’energia primaria mondiale deriva da fonti basate sui combustibili fossili: carbone, petrolio e gas. Con la loro combustione emettono il diossido di carbonio che causa il riscaldamento globale. Per il 2070 serve un’economia mondiale che sia 100% “carbon-free” per evitare che il riscaldamento globale vada pericolosamente fuori controllo.

L’accordo di Parigi riconosce questi aspetti. Chiede al mondo di tagliare le emissioni di gas serra (soprattutto Co2) fino a toccare livelli zero nella seconda metà del secolo. A tal scopo, i governi stanno per preparare dei piani non solo fino all’anno 2030 (i cosiddetti Ndc, Nationally Determined Contributions), ma anche fino alla metà del secolo (le cosiddette Leds, Low-Emission Development Strategies).

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/you3OoW/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.