Distruggere Citigroup

WASHINGTON, DC – La campagna per le elezioni presidenziali americane è già cominciata. Le elezioni si terranno a novembre 2016 e solo pochi candidati sono ufficialmente scesi in campo, ma la competizione per la promozione e lo sviluppo delle idee – sia in privato che in pubblico – è in pieno svolgimento.

All’inizio di questo mese, Citigroup ha approfittato di questo costruttivo momento politico, cogliendo un’occasione per mettere a segno una vittoria tattica – ma che equivale a un errore decisivo. Attraverso il linguaggio legislativo stilato senza dubbio dagli stessi lobbisti di Citigroup, la banca ha insistito con successo per ottenere l’abrogazione di alcune riforme del Dodd-Frank Act del 2010. La normativa è stata approvata dopo che, all’ultimo minuto, è stata aggiunta una legge di spesa – una tattica grazie alla quale ci sono stati pochi dibattiti alla Camera dei Rappresentanti e nessuno in Senato.

In un colpo solo, i dirigenti di Citigroup hanno dimostrato sia la loro continua influenza politica a Washington sia il loro continuo desiderio di assumersi un elevato rischio finanziario (che è ciò che consente questa particolare riforma). Fare pressioni per avere il permesso di aumentare il rischio è esattamente quello che la banca americana ha fatto tra gli anni ’90 e il 2000 sotto la presidenza di Bill Clinton e George W. Bush – con conseguenze catastrofiche per l’intera economia nel 2007-09.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/dUkPK3X/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.