Paul Lachine

La svolta della Cina

NEW HAVEN – All’inizio di marzo il Congresso nazionale del Partito Comunista cinese approverà il suo dodicesimo piano quinquennale che passerà alla storia, quasi sicuramente, come una delle più coraggiose iniziative strategiche della Cina.

Cambierà fondamentalmente la natura del modello economico cinese che si sposterà dalla struttura basata sulle esportazioni e gli investimenti degli ultimi 30 anni verso un modello di crescita determinato sempre più dai consumatori cinesi. Questo spostamento comporterà implicazioni profonde per la Cina, il resto dell’Asia e l’economia globale nel senso più ampio.

Proprio come il quinto piano quinquennale che ha posto le basi per le “riforme ed il processo di apertura” alla fine degli anni ’70, ed il nono piano quinquennale che ha lanciato la marchetizzazione delle aziende pubbliche nella metà degli anni ’90, il nuovo piano obbligherà la Cina a rivedere i principi base della sua economia. Il Premier Wen Jiabao aveva già posto le basi quattro anni fa’ quando dichiarò esplicitamente il paradosso di un’economia con una solidità superficiale in grado di mascherare una struttura sempre più instabile, squilibrata, scoordinata e insostenibile.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/TA7E2f5/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.