0

L’atterraggio morbido della Cina

NEW HAVEN – L’economia cinese sta rallentando. Non è una sorpresa dal momento che si tratta di un’economia trainata dall’export e legata a doppio filo alla vacillante domanda globale. Ma il rallentamento cinese potrebbe risultare al contempo gestibile e ben accetto. I timori di un atterraggio duro sono eccessivi.

A dire il vero, a indebolirsi sono i dati economici. Il “Purchasing Managers Index” sta ora toccando la pericolosa soglia “50”, da tempo associata al punto di rottura tra espansione e contrazione. Simili trend al ribasso si evidenziano in una serie di indicatori guida, che riguardano le aspettative dei consumatori, l’offerta di denaro e il mercato azionario, ma anche la produzione di acciaio, le vendite industriali e l’avvio di nuovi cantieri.

Ma non siamo nel 2008. Allora, il commercio globale collassava e presagiva una flessione del 10,7% nel volume degli scambi commerciali per il 2009 – la peggiore contrazione annua dagli anni Trenta. Le performance cinesi sul fronte dell’export oscillavano da una crescita annua del 26% evidenziata a luglio del 2008 a una contrazione del 27% registrata a febbraio del 2009. Di conseguenza, la crescita del Pil segnava un rallentamento al ritmo di due cifre – in pratica una battuta d’arresto secondo gli standard cinesi; e oltre 20 milioni di lavoratori migranti interni persero il lavoro nella provincia di Guangdong dedita all’export. Alla fine del 2008 la Cina si trovava a fare i conti l’“equivalente funzionale” di una vera e propria recessione.

Grazie a un massiccio piano di stimoli fiscali, all’inizio del 2009 la Cina riuscì a risollevarsi dall’abisso, pagando però a caro prezzo questo boom di investimenti finanziati dalle banche. L’indebitamento dei governi locali schizzò alle stelle, e gli investimenti fissi registrarono un impressionante incremento pari al 50% del Pil. Riaffioravano i timori di un'altra crisi bancaria, di un imminente collasso della mostruosa bolla immobiliare e di un’inflazione galoppante. Se si aggiunge all’equazione una dolorosa crisi europea, una replica del 2008 non sembrava poi così improbabile.