Spezzare la dipendenza della Cina dagli investimenti

PECHINO – Il modello di crescita economica della Cina sta perdendo colpi. Secondo la Banca Mondiale, nei trent'anni successivi alla riforma economica avviata da Deng Xiaoping, gli investimenti rappresentavano il 6-8% del tasso di crescita economica annuo, pari al 9,8%, mentre l’incremento della produttività contribuiva solo nella misura di 2-4 punti percentuale. Di fronte alla debolezza della domanda esterna, alla riduzione del consumo interno, all'aumento del costo del lavoro e a una bassa produttività, la Cina dipende troppo dagli investimenti per stimolare la propria crescita economica.

Anche se tale modello non è sostenibile, l'eccessiva dipendenza della Cina dagli investimenti non accenna a diminuire. Di fatto, avendo intrapreso un processo di approfondimento di capitale (capitale crescente per lavoratore), servono maggiori investimenti per incrementare la produzione e lo sviluppo tecnologico in vari settori.

Negli anni 1995-2010, quando il tasso medio di crescita annua del Pil cinese era del 9,9%, gli investimenti di capitale fisso (in infrastrutture e progetti immobiliari) sono aumentati di un fattore pari a 11.2 punti percentuale, registrando una crescita media annua del 20%. Il totale degli investimenti di capitale fisso ammontava mediamente al 41,6% del Pil, con un picco del 67% registrato nel 2009, che sarebbe impensabile nella maggior parte dei Paesi sviluppati.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/bRlnrqV/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.