China flag sky jonathan leveneur/Flickr

Il programma di crescita internazionale della Cina

MILANO – Per gran parte degli ultimi trentacinque anni i politici cinesi hanno concentrato la propria attenzione sull'economia nazionale, varando riforme per consentire al mercato di offrire efficienza e chiari segnali in materia di prezzi. Pur rendendosi conto del crescente impatto della Cina sull'economia mondiale, essi non disponevano di alcuna strategia che mettesse i paesi vicini in grado di beneficiare della sua trasformazione economica.      

Ora, però, una strategia di questo tipo la Cina ce l'ha, o almeno la sta rapidamente sviluppando. Essa, fra l'altro, si estende ben oltre i confini dell'Asia, fino a raggiungere l'Europa dell'est e la costa orientale dell'Africa.

Un elemento chiave della strategia cinese è la neocostituita Banca asiatica d'investimento per le infrastrutture (AIIB) e, in una certa misura, la Nuova banca per lo sviluppo dei paesi BRICS, creata l'anno scorso da Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica. Entrambe le banche sono chiare alternative – e pertanto concorrenti – alla Banca mondiale e al Fondo monetario internazionale, istituzioni dominate dai paesi occidentali.    

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/pJzuRoz/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.