L'economia cinese è davvero nuova e normale?

HONG KONG – Ho appena trascorso una settimana in Cina, dove ho partecipato al Boao Asia Forum, una conferenza simile al raduno annuale del World Economic Forum di Davos. L'argomento di cui si è occupato il mio gruppo di lavoro riguardava ciò che il presidente Xi Jinping ha definito la "nuova normalità" dell'economia cinese, cioè un periodo di crescita più lenta che fa seguito a tre decenni di espansione economica a due cifre.

In realtà, quello che mi colpisce dell'economia cinese è proprio la straordinarietà. La sua performance, infatti, non cessa di stupirmi. Perciò, pur dovendo affrontare ancora numerose sfide, quanta probabilità ha il paese di frenare l'economia?

Dei quattro paesi BRIC – Brasile, Russia, India e Cina – quello guidato da Xi è l'unico che finora, in questo decennio, ha soddisfatto le mie aspettative di crescita. Tra il 2011 e il 2014, l'economia cinese ha registrato un incremento annuale medio dell'8%. Se il suo tasso di crescita si attesta intorno al 7% per il resto del decennio, come le autorità e molti osservatori prevedono, il paese raggiungerà un ritmo di espansione medio del 7,5%, confermando le mie previsioni.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/6pf9CAA/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.