La parodia della democrazia in Birmania

PRAGA – Il 7 novembre, data delle prime elezioni in Birmania dopo oltre vent’anni, verrà messo in scena un copione più volte provato. I generali a capo del paese stravolgeranno il processo democratico che permette alle persone di esprimere la propria volontà, trasformandolo in una parodia della libera espressione durante la quale si voterà nella paura e senza alcuna speranza.

La comunità internazionale deve giudicare i generali della Birmania per le loro azioni, non per le parole e le promesse fatte. Gli episodi che accadono sul territorio birmano rappresentano la realtà molto più di tutte le dichiarazioni dei generali che parlano di una votazione libera e di una transizione democratica.

Più di 2.100 prigionieri politici in Birmania continuano a rimanere in carcere. Molti di loro sono stati torturati, tenuti in condizioni terribili e privati delle cure mediche. Continuano gli attacchi contro le minoranze etniche del paese da parte dei militari e della polizia birmana, che spesso prendono deliberatamente di mira i civili, compresi i bambini. Continua la censura dei media nel paese, la negazione della libertà di espressione, mentre il partito più popolare, la Lega Nazionale per la Democrazia che vinse le elezioni nel 1990, è stato obbligato a sciogliersi a seguito della decisione di non registrarsi alle elezioni di novembre.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/8xgHKdE/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.