Shah Marai/AFP/Getty Images

Come l’Afghanistan può raggiungere l’autonomia

KABUL – La Conferenza di Bruxelles sull’Afghanistan, in programma questa settimana, rappresenta un’occasione importante per mettere a punto una road map per il futuro del paese. Pur avendo fatto registrare qualche progresso, il percorso recentemente intrapreso dall’Afghanistan è ancora ben lontano dall’essere la via più diretta per la prosperità, non da ultimo a causa di profonde falle nel sistema di erogazione degli aiuti e nella politica interna. 

Dall’elezione del presidente Ashraf Ghani, avvenuta nel 2014, il flusso degli aiuti destinati al paese è drasticamente diminuito. Inoltre, gli aiuti ricevuti non sono stati stanziati in un modo realmente teso a promuovere la costruzione dello stato, visto che i donatori internazionali hanno sostanzialmente bypassato il governo afghano per finanziare progetti separati e indipendenti tra loro. Tra il 2002 e il 2010, l’82% dei 56 miliardi di dollari forniti all’Afghanistan è stato speso per il tramite di organismi non statali.  

Un simile approccio nasconde delle ragioni. I donatori hanno ritenuto che lo stato afghano fosse troppo debole e corrotto per utilizzare il denaro in maniera efficace, e in fondo non avevano tutti i torti dal momento che clientelismo e malversazione continuano a essere ampiamente diffusi in Afghanistan.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/i6vDDs0/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.