Mary Turner/Stringer

La patologia della leadership britannica

LONDRA – Sembra che ormai una leadership politica che abbia un’etica scarseggi un po’ in tutto il mondo, dagli Stati Uniti alla Turchia per arrivare alle Filippine. Ma il momento forse più eclatante di scorrettezza da parte della leadership si è vista nel Regno Unito dove il referendum sulla Brexit e il periodo successivo al voto hanno provocato più instabilità di quanto il paese abbia sperimentato in un classico decennio.

Dopo solo le prime due settimane dal voto, il Primo Ministro David Cameron, che ha lanciato il referendum, ha dato le dimissioni ed il suo successore, Theresa May, ha nominato un nuovo governo. Sebbene alcuni sostenitori della Brexit, tra cui il più noto è l’ex sindaco di Londra Boris Johnson, siano ora nel governo, nessuno tra coloro che hanno sostenuto la campagna a favore dell’uscita del Regno Unito dall’UE sembra alla fin fine essere responsabile di averla sostenuta. La stessa May era a favore della permanenza nell’Unione europea.

Nel frattempo, il partito laburista all’opposizione è entrato nel caos. Quasi tutti i rappresentanti del governo ombra si sono dimessi avendo perso fiducia nel lader del partito Jeremy Corbyn e gli sforzi volti a contrastarlo sono stati particolarmente duri. Dei sostenitori di Corbyn hanno infatti persino tirato un mattone contro la finestra dell’ufficio del collegio elettorale di uno dei suoi rivali.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/ZO2EuCr/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.