Adrian Dennis/AFP/Getty Images

Marcia indietro sulla Brexit?

LONDRA – La realtà economica comincia a riflettere le false speranze di molti britannici. Un anno fa, quando un’esigua maggioranza votò per l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea, essi credettero alla promessa della stampa popolare e dei politici del fronte del “Leave” che la Brexit non avrebbe modificato il loro tenore di vita. In realtà, nell’anno trascorso da allora, tale tenore è riuscito a mantenersi stabile solo grazie a un maggiore indebitamento delle famiglie.      

Questo metodo per un po’ ha funzionato perché l’aumento dei consumi delle famiglie ha stimolato l’economia britannica. Ma il momento della verità è ormai alle porte. Come mostrano gli ultimi dati diffusi dalla Bank of England, la crescita dei salari non è riuscita a tenere il passo dell’inflazione e, pertanto, i redditi reali sono cominciati a diminuire.      

Se questo trend proseguirà nei prossimi mesi, le famiglie si accorgeranno presto che il loro tenore di vita si sta abbassando e, di conseguenza, si vedranno costrette a rivedere le proprie abitudini di spesa. Come se ciò non bastasse, si renderanno anche conto di essersi indebitate in modo eccessivo e di dover porre rimedio riducendo ulteriormente i consumi che hanno sostenuto l’economia fino adesso.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/w9oIu6T/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.