elerian106_Daniel-BerehulakGetty-Images_london-workers Daniel Berehulak/Getty Images

La Brexit e l’economia globale

WASHINGTON, DC – La questione Brexit consuma il Regno Unito da due anni e mezzo. I “se”, i “come” e i “quando” del divorzio dall’Unione europea, dopo decenni di adesione, hanno comprensibilmente riempito le pagine dei giornali e messo da parte qualsiasi altro dibattito politico. Nel mix si è persa, ad esempio, qualsiasi discussione seria su come il Regno Unito debba incentivare produttività e competitività in un’epoca di fluidità economica e finanziaria globale.

Allo stesso tempo si è comprensibilmente assopito l’interesse del resto del mondo nella Brexit. I negoziati del Regno Unito con l’UE si sono trascinati con diversi déjà vu, e secondo l’opinione generale la ricaduta economica sarà percepita in modo più acuto in Gran Bretagna che nell’UE, per non parlare dei paesi di altre aree.

Inoltre, il resto del mondo sta fronteggiando profonde sfide proprie. I sistemi politici ed economici stanno attraversando cambiamenti strutturali di vasta portata, molti dei quali spinti da tecnologia, commercio, cambiamento climatico, aumentata disuguaglianza e crescente rabbia politica. Nell’affrontare queste problematiche, i politici di tutto il mondo farebbero bene a non ignorare gli insegnamenti dell’esperienza britannica della Brexit.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading and receive unfettered access to all content, subscribe now.

Subscribe

or

Unlock additional commentaries for FREE by registering.

Register

https://prosyn.org/mCJKNF1it